Articolo taggato “degli”


PONGO ALLA VOSTRA ATTENZIONE UN ARTICOLO DI OGGI DEL SOLE 24 ORE: POTREBBE INTERESSARE TUTTI I GIOVANI PRECARI COME ME. INCROCIAMO LE DITA E CONFIDIAMO PER UNA VOLTA, NELLA BUONA COSCIENZA DEI NOSTRI "DIPENDENTI" IN PARLAMENTO. SE VE LA SENTIRE POTRETE POSTARE PURE LA VOSTRA TESTIMONIANZA LAVORATIVA. ANCOR PIU’ STRAORDINARIA SE TRATTASI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO Entro la fine del mese il governo potrebbe presentare un provvedimento per apportare modifiche alla legge Biagi, entrata in vigore nell’ottobre 2003. L’obiettivo è di dare «una svolta» alla lotta contro la precarietà, soprattutto attraverso una forte incentivazione alle aziende per assumere dipendenti a tempo indeterminato. Le risorse per queste riforme dovrebbero essere attinte dai 2,5 miliardi di euro del "tesoretto" fiscale. E se per l’opposizione questa decisione è una sorta di attacco frontale alla legge Biagi, fonti del ministero del Lavoro la definiscono piuttosto un processo di necessario «ammodernamento». Per i contratti a termine si parla di porre un limite di tre anni alla loro durata, limite oltre il quale l’azienda sarà incentivata a trasformarli in contratti a tempo indeterminato. Inoltre, saranno aumentati i controlli sugli intervalli dei rinnovi dei contratti. Probabilmente spariranno le due formule "job on call" e "staff leasing": secondo la prima, detta anche "contratto a chiamata", il lavoratore è permanentemente a disposizione dell’azienda, che può chiamarlo in servizio in base a esigenze produttive improvvise e non prevedibili. Lo "staff leasing", invece, prevede che si possa essere dipendenti di un’azienda pur lavorando per un’altra. Quanto all’indennità di disoccupazione, dovrebbe essere aumentata e passare così dall’attuale 50 al 60% dell’ultima retribuzione, a condizione che l’indennità sia legata a iniziativedi formazione e reimpiego. Infine, verrebbero introdotti dei "contributi figurativi" per coprire i buchi assicurativi, ossia i periodi nei quali i lavoratori non versano nulla a causa della perdita del posto o di una pausa tra un lavoro temporaneo e un altro.

Comments 127 Commenti »


Ciao a tutti e complimenti per questo vivace dibattito attorno alla questione elettorale.
È interessante che si partecipi attivamente anche attraverso lo strumento del blog alla vita politica della nostra comunità. Spero che anche a elezioni ultimate questo luogo di confronto continui ad esistere affinché serva da stimolo ai nuovi amministratori e perché no anche ai nuovi oppositori!
Scelgo di intervenire con la mia reale identità per fornire alcune informazioni che penso possano risultare utili per consentire di uscire dalla fase delle indiscrezioni e dei si dice (per quanto riguarda il processo di formazione della lista dell?area progressista), e di precisare alcune questioni che mi riguardano visto che son stato citato diverse volte su questo blog e sul forum ?che sindaco vorresti a Sant?Antioco? .
Il progetto che vede impegnati i partiti della sinistra antiochense, e diverse persone che si riferiscono a quell?area politica pur non aderendo ad alcun partito (io sono tra questi) sarà presentato entro le prossime settimane ai cittadini di Sant?Antioco.
Il progetto prevede un programma innovativo, concreto e realizzabile, basato su alcune questioni qualificanti: rinnovamento, una norma rigida che garantisca l?assenza per gli amministratori di qualsiasi conflitto di interesse, un?amministrazione basata sul coinvolgimento della comunità nelle scelte importanti, una nuova pianificazione urbanistica basata sui reali bisogni della comunità e non su quelli di qualche speculatore, costruire una città vivibile a misura di uomo, valorizzare le tante risorse culturali e locali esistenti e utilizzare le aree industriali dismesse e l?area portuale per rilanciare l?economia di Sant?Antioco e dare una risposta concreta ai troppi giovani costretti a lasciare l?isola per trovare un posto di lavoro.
Per la scelta del candidato sindaco ricorreremo al democratico metodo delle primarie alle quali potranno partecipare tutti i cittadini di Sant?Antioco che sottoscriveranno il nostro programma politico-ammistrativo.
Ci sono molte altre cose interessanti, ma non voglio togliervi il gusto di venirle a sentire all?incontro in cui presenteremo il programma ?? vi informerò non appena stabiliremo data e luogo e naturalmente sarete tutti invitati.
Dopo queste doverose informazioni, permettetemi di fare il mio avvocato difensore e quello dell?opposizione di cui facevo parte. Per questo interessato intervento vi chiedo scusa, ma è necessario che alcune questioni vadano chiarite perché altrimenti si genera confusione e notizie non rispondenti al vero, se non smentite, rischiano di indurre in errore i lettori e gli altri partecipanti al dibattito.
L?insinuazione avanzata da alcuni sullo scarso operato dell?opposizione e mio personale, o peggio ancora su una sorta di opposizione di facciata alla giunta Baghino credo possa essere smentita dai manifesti murali e dal volantinaggio capillare fatto dalla giunta Baghino e che ha avuto come bersaglio proprio la mia persona e le idee che manifesto. A chi ha la memoria corta vorrei ricordare il manifesto contro gli ambientalisti difensori di cipollotti e di lentisco! O ancora le lettere alla Nuova Sardegna e il volantino capillarmente diffuso sempre contro la mia persona a firma del vicesindaco di Sant?Antioco!!!
Sono poi avvenuti incresciosi fatti di vera e propria rappresaglia, o se vogliamo di intimidazione mafiosa, partiti dall?interno del palazzo e indirizzati a me, che purtroppo hanno colpito la mia famiglia, dei quali questo blog ? di solito ben informato – non era a conoscenza perché ho scelto di non fare pubblicità sull?argomento.
L?acredine e il livore verso il sottoscritto manifestato dall?amministrazione uscente, che non ha precedenti nei rapporti istituzionali tra avversari politici, credo serva a chiarire bene quali inciuci e quante anticamere ho dovuto fare per sottoscrivere accordi sottobanco con la giunta Baghino.
Se poi svolgere il proprio compito istituzionale di capogruppo della più rappresentativa forza politica di minoranza presente in Consiglio Comunale possa rappresentare un?azione deprecabile, allora il mio operato è da condannare due volte in quanto oltre a partecipare alle poche conferenze dei capigruppo, in quelle riunioni ho sempre anticipato il comportamento che il mio gruppo avrebbe avuto in Consiglio Comunale.
Anche sul silenzio dell?opposizione in Consiglio Comunale avrei qualcosa da ribattere. Io credo che l?attività dei consiglieri comunali debba essere giudicata in base a quanto hanno prodotto in termini di proposta, di stimolo e, trattandosi di opposizione, di critica all?operato dell?Amministrazione. Ho fatto un veloce esame di coscienza e sinceramente non mi sento di giudicare tanto negativamente l?attività dei consiglieri che rappresentavano la sinistra, ma anche quella del resto dell?opposizione, nel disciolto consiglio comunale.
A titolo di esempio vorrei ricordare che il Consiglio Comunale di Sant?Antioco ha discusso di Attività portuale, di zona franca e di ristrutturazione e di dragaggio del porto di Sant?Antioco, di attività estrattiva impedendo che nuove cave distruggessero il nostro territorio, di accessi al mare, di utilizzo degli spazi e degli edifici pubblici da parte di cittadini e di associazioni, solo perché il gruppo consiliare dell??isola che c?è? ha presentato mozioni e interrogazioni su questi argomenti. Oggi noi abbiamo uno Statuto Comunale fortemente innovativo rispetto al passato grazie alle proposte dell?isola che c?è (diritti delle donne e dell?infanzia, riduzione del numero delle firme per il referendum etc?.). Ci siamo battuti in solitudine contro il cambio di destinazione d?uso dell?ostello della gioventù e tanto altro abbiamo fatto, ma non è il caso di dilungasi.
Vorrei ancora ricordare la richiesta a Soru di sciogliere il Consiglio Comunale, le dimissioni di Andrea Siddi. Vi paiono davvero scelte politiche silenziose?
Credo che su questa questione ci sia un malinteso di fondo: qualcuno crede forse che l?operato delle forze di opposizione sia misurabile dalla quantità di decibel emessi durante le riunioni di Consiglio (per intenderci quelli che sono interessati allo spettacolo mediatico) e chi invece pensa che il consigliere dell?opposizione abbia il ruolo di pretendere che l?amministrazione lavori, lavori bene e per il bene della comunità e rispetti le regole e le leggi.
Questo è ciò che abbiamo tentato di fare, con molti limiti indubbiamente, ma con tanto spirito di servizio e, visto l?epilogo, portando a casa un ottimo risultato!!!!
Chiudo infine concordando con quanti affermano che la fuoriuscita dei consiglieri della maggioranza è stata utile per rafforzare l?opposizione (è indubbiamente una questione numerica), ma vorrei anche ricordare che io personalmente e i consiglieri della sinistra in diverse occasioni hanno continuato ad opporsi in solitudine ad alcuni dei famigerati e interessati provvedimenti adottati in extremis dalla Giunta Baghino.
A presto, ciao

Comments 42 Commenti »